Alfredo Bosco

Alfredo Bosco

Alfredo Bosco è un fotografo freelance e contributor dell’agenzia Luz di Milano. Problematiche sociali e crisi geopolitiche sono i temi principali del suo lavoro. Nel 2010 ha coperto il terremoto di Haiti e l’epidemia di colera con l’ONG italiana Francesca Rava-NPH. Nel 2015 ha raccontato il crimine e la vita quotidiana a Caracas. Nel 2016 ha fotografato il racket dell’eronia in Kirghizistan e nel 2017 le manifestazioni Nuit Debout e Justice per Theo a Parigi. Dal 2011 al 2014 è stato un collaboratore dell’agenzia SGP di Milano, lavorando per clienti commerciali e importanti firme di moda. Dal 2014 lavora su un progetto a lungo termine sulla guerra civile in Donbass, nell’est dell’Ucraina. Sta inoltre portando avanti un progetto a lungo termine sulla guerra alla droga nello stato messicano di Guerrero. Ha ricevuto vari premi, tra cui il Fnac TPW Mention per il suo reportage sulla gioventù locale di Tashkent sotto la dittatura di Karimov nel 2011, il Premio speciale per la fotografia umanitaria del Comitato Internazionale della Croce Rossa (ICRC) concorso Andrei Stenin Contest nel 2019, il Visa d’Or Humanitarian Award del Comitato della Croce Rossa (ICRC) ed ha esposto il suo lavoro al Festival Visa Pour l’Image a Perpignan nel 2020. È stato selezionato alla 25° Joop Swart Masterclass del World Press Photo.